ItalianoEnglishFranceseTedescoSpagnoloRusso 官話/官话

CSRS

Caterpillar Stack Routing System


Altre Lingue:

La fresatura di lastre, in particolare di alluminio, impilate a pacco, da tempo impegna i costruttori di macchine utensili nella ricerca di soluzioni che risolvano in modo soddisfacente le problematiche di questa lavorazione, dando una risposta alle richieste dei clienti. A livello mondiale le macchine offerte utilizzano approcci diversi e palesano l’evoluzione ancora in atto. L’alta produttività insita in tale tecnologia, che la mette a volte in competizione con la tranciatura, garantisce l’economicità con l’insostituibile vantaggio della flessibilità molto elevata. Inoltre si possono lavorare spessori variabili da pochi decimi di millimetro a alcune decine di millimetri: ciò impedisce la penetrazione fra i vari fogli dell’eventuale liquido refrigerante, che costringerebbe a un lavaggio dei pezzi finiti e dei trucioli che segnerebbero le superfici, rendendo inaccettabile la lavorazione. La lavorazione viene effettuata da un centro di lavoro standard a 3 assi, tipicamente della serie NOVA, sulla cui testa operatrice viene applicata una speciale apparecchiatura CSRS che provvede a esercitare una elevata e costante spinta di compattamento nella zona dell’utensile durante tutta la lavorazione: questo comporta la stabilità del pacco lamiere, con conseguente miglioramento della finitura e della velocità di esecuzione, risolvendo anche il problema della penetrazione del liquido. Un efficiente aspiratore mantiene pulita l’area di lavoro convogliando i trucioli in un apposito contenitore e rendendo più agevole lo scarico dei pezzi finiti. La soluzione di Belotti permette in molti casi di contornare completamente i pezzi senza lasciare ponticelli come avviene normalmente; basta impilare le lamiere in modo ordinato e fissarne con quattro viti i vertici sul materiale martire. Il cambio utensile, standard a 8 posizioni, opera sia con sia senza l’attrezzatura di bloccaggio annullando tempi di riattrezzaggio: infatti l’elevata potenza del mandrino, fino a 30 KW, è motivata dall’esigenza di molti utilizzatori di forti asportazioni, per esempio nella realizzazione di stampi in alluminio.

 

ACCESSORI